Bonus bebè INPS prorogato per il 2019

Di | 31 Agosto 2020
bonus bebè

La legge di Bilancio 2019 ha previsto la proroga dell’assegno di natalità (bonus bebè) sino al 31 dicembre 2019. Scopriamo insieme come funzione e quali sono le modalità di erogazione.

 

Cos’è il bonus bebè

Il bonus bebè è stato introdotto con la legge di Stabilità 2015 (legge 23 dicembre 2014 n. 190) all’articolo 1 commi da 125 a 129 e con la legge di Bilancio 2018 (legge 27 dicembre 2017 n. 205) è stato previsto il riconoscimento del bonus bebè ai figli nati o adottati dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018, ponendo come limite di durata il compimento del primo anno di età del figlio nato o un anno dall’ingresso del minorenne nel nucleo familiare avvenuto in conseguenza di adozione.

Il predetto beneficio è stato prorogato dalla legge di Bilancio 2019 per i figli nati o adottati tra il 1° gennaio 2019 e il 31 dicembre 2019, ed è stato aumentato l’importo dell’assegno erogato del 20% per le nascite e adozioni dei figli successivi al primo.

 

Requisiti per richiedere l’assegno di natalità 2019

L’agevolazione è riservata alle famiglie che versano in difficoltà economiche e hanno quindi un basso reddito.

Il genitore può presentare domanda di assegnazione del bonus bebè se rispetta i seguenti requisiti:

  • possesso della cittadinanza italiana o di uno stato appartenente all’Unione Europea (compresi cittadini stranieri che possiedono lo status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria) o della cittadinanza extracomunitaria unita al permesso di soggiorno UE;
  • ISEE del nucleo familiare non superiore ad euro 25.000;
  • residenza in Italia;
  • coabitazione e stesso domicilio tra figlio nato o adottato e genitore richiedente.

Tutti i requisiti devono essere rispettati al momento della presentazione della domanda.

La domanda deve essere presentata entro 90 giorni dalla nascita o dall’ingresso del minore nel nucleo familiare se il minore è stato adottato o posto in affidamento preadottivo.

 

Leggi anche  Nuovo regime fortettario 2019: chi può utilizzarlo

Misura dell’assegno erogato

L’assegno di natalità è erogato dall’INPS con pagamento mensile ed è commisurato all’importo dell’ISEE dichiarato e nello specifico:

  • con ISEE inferiore ad euro 7.000 la misura è pari ad euro 1.920 annui (euro 160 al mese per 12 mensilità);
  • con ISEE compreso tra euro 7.000 ed euro 25.000 la misura è pari ad euro 960 annui (euro 80 al mese per 12 mensilità).

Gli importi di cui sopra saranno aumentati del 20% per le nascite e adozioni dei figli successivi al primo.

Come fare domanda per l’assegno di natalità

La domanda di assegnazione del bonus bebè deve essere fatta utilizzando le seguenti modalità:

  • invio telematico, tramite sito dell’INPS;
  • telefonando al numero verde dell’INPS al suo contact center integrato;
  • recandosi presso un centro di assistenza fiscale (CAF) o patronato.

Documentazione da presentare

I documenti necessari di cui munirsi all’atto della domanda sono:

  • Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) in corso di validità;
  • documento d’identità e tessera sanitaria del richiedente;
  • certificato di attribuzione del codice fiscale del figlio nato o adottato;
  • modello SR163 compilato e firmato dal proprio istituto di credito.

 

Copyright © Riproduzione riservata

Avatar
Autore: Antonella Beringheli

Consulente aziendale, laureata in scienze economico-aziendali, specializzata in crisi d'impresa, diritto commerciale e diritto tributario, appassionata di informatica e nuove tecnologie.