Nuovo regime fortettario 2019: chi può utilizzarlo

Di | 31 Agosto 2020
Fatturazione elettronica

La legge 30.12.2018 n. 145 (legge di Bilancio 2019) cambia i requisiti di permanenza e di accesso nel regime forfettario (introdotto con la Legge n. 190/2014). Scopriamo assieme quali sono le novità più importanti.

 

Requisiti di accesso al regime forfettario

Con la legge di Bilancio 2019 sono stati semplificati i requisiti di accesso al regime forfettario di cui all’art. 1 co. 54 della L. 190/2014, in quanto per usufruire di tale regime:

  • sarà sufficiente rispettare la condizione di aver posseduto ricavi e compensi non superiori ad euro 65.000 nell’anno precedente a quello in cui si vuole utilizzare il nuovo regime;
  • non sono più previsti i limiti di spese sostenute per beni strumentali e lavoro dipendente.

In caso in cui l’attività abbia avuto inizio in corso d’anno per calcolare lo sforamento della soglia bisogna ragguagliare all’anno tale somma.

Se le attività esercitate hanno codici ATECO distinti, per calcolare se la soglia dei ricavi e compensi viene superata è necessario sommare i compensi e i ricavi delle varie attività esercitate ai sensi dell’art. 1 co, 55 lett. b della L. 190/2014.

 

Esclusione dal regime forfettario

Sono esclusi dall’applicazione del regime forfettario per lo svolgimento di attività di lavoro autonomo o o di attività d’impresa tutti coloro che contemporaneamente:

  • possiedono, ai sensi dell’art. 5 del TUIR, una partecipazione in società di persone, associazioni professionali o imprese familiari;
  • controllano, direttamente o indirettamente, srl o associazioni in partecipazione, le quali esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o professioni.

Il regime forfettario è altresì escluso alle persone fisiche che esercitano attività d’impresa o lavoro autonomo, in modo prevalente, nei confronti di datori di lavoro (o di soggetti che sono a lui riconducibili direttamente o indirettamente) con i quali sono in corso dei rapporti di lavoro o con il quale erano intercorsi nei due anni precedenti al periodo d’imposta considerato dei rapporti di lavoro.

 

Leggi anche  Iper ammortamento

Caratteristiche del regime forfettario

Ricapitolando chi utilizza il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di Bilancio 2019 potrà:

  • determinare il proprio reddito forfetariamente applicando il coefficiente di redditività in base al codice ATECO dell’attività svolta;
  • pagare un imposta sostitutiva pari al 5% (per i primi 5 anni di attività) o pari al 15%;
  • non presentare dichiarazione IRAP;
  • non applicare l’IVA;
  • partecipare in società di persone e srl che svolgono attività non riconducibile a quella individuale;
  • partecipare in società di persone e srl se non possiede quote non di controllo;
  • possedere redditi di lavoro dipendente e assimilati tenendo però conto delle cause di esclusione di cui detto in precedenza.
  • non avere nessun limite riguardo le spese strumentali sostenute;
  • non applicare alcuna deduzione o detrazione degli oneri sostenuti al reddito soggetto ad imposta sostitutiva (può applicare detrazioni o deduzioni degli oneri agli altri redditi che concorrono al reddito complessivo IRPEF);
  • non applicare ritenute d’acconto, nemmeno come sostituto d’imposta;
  • non tenere la contabilità;
  • non sottostare all’obbligo di fatturazione elettronica.
  • non essere soggetto agli indici di affidabilità;
  • usufruire delle agevolazioni per contributi previdenziali se iscritti alla Gestione artigiani e commercianti INPS.

 

Perdita dei requisiti 

Se nell’anno d’imposta 2018 si è verificata una condizione di esclusione o si sono persi i requisiti necessari il regime forfettario non sarà più utilizzabile dall’anno d’imposta successivo a quello in cui si è verificato l’evento e si applicherà automaticamente il regime ordinario.

 

Leggi anche  Decreto fiscale 2019: principali novità

Avatar
Autore: Antonella Beringheli

Consulente aziendale, laureata in scienze economico-aziendali, specializzata in crisi d'impresa, diritto commerciale e diritto tributario, appassionata di informatica e nuove tecnologie.