Open fiber: cos’è e chi la gestisce

Di | 31 Agosto 2020
open fibra

Open fiber è una società di capitali, nello specifico una società per azioni operante nel settore delle telecomunicazioni costituita nel dicembre del 2015, ha sede legale a Milano ed è partecipata al 50% dal Enel s.p.a. e al 50% da cdp Equity.

L’attuale amministratore delegato è Elisabetta Ripa, mentre l’attuale presidente del consiglio di amministrazione è Franco Bassanini.

Open Fiber, è un operatore all’ingrosso attivo in Italia nel mercato delle infrastrutture di rete a banda ultra larga (BUL) in fibra ottica FTTH (Fiber To The Home), si occupa nello specifico della manutenzione e della gestione delle infrastrutture di rete.

Il Ministero dello Sviluppo Economico tramite la società partecipata Infratel Italia s.p.a. ha mappato nel 2015 con una consultazione pubblica con gli operatori la situazione dei collegamenti non ancora messi in atto della rete a Banda Ultra Larga in Italia suddividendo il territorio nazionale in 94.645 aree geografiche e conteggiando il numero le unità immobiliari site nei 4 cluster A, B, C, D individuati in precedente analisi. I cluster A e B sono quelli reputati più redditizi per gli investimenti nelle tecnologie in fibra ottica a banda ultralarga mentre i cluster C e D sono quelli definiti a fallimenti di mercato ovvero poco redditizi per il settore della tecnologia FTTH. Nell’indagine del 2015 fatta da Infratel Italia s.p.a. è emerso che le unità immobiliari incluse nei cluster A e B erano circa 415.000 mentre quelle incluse nei cluster C e D erano circa 1.400.000. L’analisi di Infratel Italia ha come fine l’individuazione delle aree geografiche idonee a ricevere interventi pubblici per ottimizzare l’utilizzo di risorse pubbliche disponibili in modo da ridurre al minimo le eventuali alterazioni della concorrenza.

Gli operatori che inizialmente hanno partecipato alla consultazione pubblica di Infratel Italia sono stati 30 e sono indicati di seguito:

  1. A.M.T. Services
  2. Argosid
  3. Argosid-Connettività
  4. Asco TLC
  5. Asdasd 20
  6. Bigtlc 21
  7. Brennercom
  8. Convergenze
  9. Csi-Piemonte
  10. DeltraWeb
  11. Estracom
  12. Fastweb
  13. Intred
  14. Interplanet
  15. KPN Qwest
  16. LineaCom
  17. Mc-Link
  18. Metroweb
  19. Ne-t (by Telerete Nordest) s.r.l.
  20. Ngi
  21. Nice Blu Srl
  22. Planetel
  23. Retelit/E-via
  24. Selene
  25. Telecom Italia
  26. Telweb
  27. Terre Cablate
  28. Trentino Network
  29. Unidata
  30. Vodafone

Infratel ha indetto dei bandi per attuare i piani Banda Larga e Utra larga nelle aree bianche ovvero nelle zone geografiche a bassa densità di popolazione, alcuni dei quali sono stati aggiudicati ad Open Fiber, la quale offre tecnologie avanzate per portare la Banda Larga e Utralarga anche alle zone rurali e/o difficilmente accessibili; una di queste tecnologie è la Fwa (Fixed Wireless Access) che può essere installata sfruttando tra le altre una infrastruttura di telecomunicazioni minimale e la piattaforma a 26/28 GHz di Itracom telecom o quella a 3,5 GHz di Linkem (5G).

 

Avatar
Autore: Antonella Beringheli

Consulente aziendale, laureata in scienze economico-aziendali, specializzata in crisi d'impresa, diritto commerciale e diritto tributario, appassionata di informatica e nuove tecnologie.