Pensioni quota 100: requisiti e domanda

Di | 31 Agosto 2020
riforma pensionistica

In tema della riforma pensioni attuata dal Governo giallo-verde si segnala che in data 28 gennaio 2019 è stato pubblico in Gazzetta Ufficiale il decreto n. 4/2019 che introduce la cosiddetta “quota 100” per le pensioni. Dal 29 gennaio 2019 è possibile, per chi ne possiede i requisiti, inviare la domanda per accedere al nuovo regime pensionistico che prevede di poter andare in pensione a 62 anni d’età e 38 anni di contributi maturati.

 

Requisiti per accedere alla pensione con “quota 100”

La pensione quota 100 è stata prevista dall’articolo 14 del decreto Legge 4/2019 e riguarda coloro che maturano i requisiti richiesti entro il 31 dicembre 2021.

Per accedere alla pensione con “quota 100” è indispensabile rispettare i seguenti requisiti:

  • aver compiuto 62 anni d’età;
  • aver maturato 38 anni di contributi (obbligatori, volontari, figurativi, da riscatto) .

Se con coincidente nel medesimo periodo, può essere sommata in modo gratuito la contribuzione derivante:

  • dall’assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti;
  • dalla gestione speciale dei lavoratori commercianti, artigiani e coltivatori diretti;
  • dalle gestioni sostitutive ed esclusive dell’AGO.
  • dalla gestione separata INPS.

Non è consentito il cumulo tra pensione e reddito da lavoro se non si è raggiunta l’età di 67 anni per l’ottenimento della pensione di vecchia ad eccezione del cumulo con i redditi percepiti come lavoratore autonomo per prestazioni occasionali, che sono però cumulabili sino all’importo massimo annuale di euro 5.000 lordi.

Non si applica “quota 100” per il personale delle Forze Armate per il quale di continueranno ad essere applicati i requisiti previdenziali previsti per tale categoria dal Decreto legislativo 30 aprile 1997 n. 165, per il personale delel Forze di polizia e polizia penitenziaria, per il personale del Vigili del fuoco e per il personale della Guardia di finanza.

Come presentare domanda all’INPS per accedere a “quota 100”

La domanda  per accedere al nuovo regime pensionistico può essere presentata all’INPS tramite i servizi online messi a disposizione sul sito internet dell’INPS, o in alternativa recandosi presso le sedi dei centri di assistenza fiscale (CAF) e dei patronati, ovvero chiamando il numero verde del servizio contact center INPS.

Se si sceglie di  inviare la domanda tramite i servizi telematici messi a disposizione dall’INPS è necessario munirsi delle credenziali di accesso quali PIN INPS, SPID o carta nazionale dei servizi, effettuare l’accesso e cercare la pagina “Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, ECOCERT, APE Sociale e Beneficio precoci”, selezionare l’opzione “nuova domanda” e pigiare sulla voce che fa riferimento alla tipologia di domanda che si intende presentare, in questo caso selezionare “Pensione di anzianità/vecchiaia” > “Pensione di anzianità/anticipata” > “Requisito quota 100” ed infine scegliere il fondo e la gestione di liquidazione.

La finestra per incassare la pensione con “quota 100” è di tre mesi per il settore privato e sei mesi per il settore pubblico, a decorrere dal momento in cui si matura il requisito per accedere alla nuova tipologia di pensionamento.

 

Copyright © Riproduzione riservata

Avatar
Autore: Antonella Beringheli

Consulente aziendale, laureata in scienze economico-aziendali, specializzata in crisi d'impresa, diritto commerciale e diritto tributario, appassionata di informatica e nuove tecnologie.